giovedì 17 giugno 2010

I prodromi della diffusione del Simbolismo Occulto

Tempo fa ho cominciato a fare un analisi dei "Media e Simboli" per mettere in luce come il Simbolismo Esoterico venga spesso incluso in Film, Cartoni Animati , Video Musicali ecc...
Questa mia analisi può lasciare perplessi molti neofiti, che non capiscono per quale motivo i Burattinai dovrebbero includere i loro simboli più sacri in creazioni mediatiche; ciò secondo me si spiega essenzialmente in due modi:
- una volontà di "marcare il territorio" includendo il simbolismo nella loro creazione, come a rimarcarne il possesso;
- la loro credenza nel fatto che il simbolo in se abbia un potere sull'inconscio di chi ne viene a contatto, potere che si esplica perfino quando lo spettatore non è consapevole del simbolo stesso (in quanto per l' Occultismo i simboli esoterici sarebbero dotati di una sorta di intrinseco potere).

Tali tematiche vengono trattate da un interessante articolo di Santaruina del blog "Tra Cielo e Terra".

Buona Lettura:

____________________
Un filosofo si recò un giorno da un Maestro zen e gli disse:
"Sono venuto ad informarmi sullo Zen, su quali siano i suoi principi e i suoi scopi".
"Posso offrirti una tazza di tè?" gli domandò il maestro. E incominciò a versare il tè da una teiera. Quando la tazza fu colma, il maestro continuò a versare il liquido, che traboccò.
"Ma che cosa fai?" sbottò il filosofo, "non vedi che la tazza è piena"?
"Come questa tazza," disse il maestro, "anche la tua mente è troppo piena di opinioni e di congetture perché le si possa versare dentro qualcos'altro… come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza?"

 
-------------------




Ornamento e delitto

Correva l'anno 1908 e l'architetto Adolf Loos dava alle stampe un libro destinato a diventare un classico del movimento moderno, mettendo per iscritto, per la prima volta, uno dei fondamenti della cultura del novecento.

Io ho scoperto e donato al mondo la seguente nozione: l'evoluzione della civiltà é sinonimo dell'eliminazione dell'ornamento dall'oggetto d'uso.

Il libro di Loos si intitolava
Ornamento e delitto
, e già dal titolo delineava con chiarezza il pensiero di fondo che lo animava.
Loos, quindi, rileggendo la storia dell'arte e dell'architettura in occidente individuava nell'ornamento una delle caratteristiche estetiche che necessariamente avrebbero dovuto far parte del passato, un qualcosa che non sarebbe più dovuto entrare nel bagaglio culturale dell'uomo moderno, l'uomo che si sarebbe mosso nel XX secolo.

Nella visione di Loos l'ornamento negli oggetti di uso rappresentava un fattore ridondante, un di più che finiva per pregiudicare la funzionalità dell'oggetto
stesso; tale funzionalità diveniva quindi l'unico punto di riferimento nella progettazione e nella costruzione di un manufatto (o di un edificio); una sedia doveva servire per sedersi, ed era inutile "arricchirla" con incisioni o ghirigori; occorreva piuttosto studiarla in modo che si adeguasse nel migliore dei modi all'anatomia dell'individuo.
Lo stesso discorso andava fatto per ogni oggetto d'uso: era necessario concentrare tutte le energie sulla "praticità", ed eliminare tutto il superfluo.

Questo fu, in sintesi, il principio del pensiero del movimento moderno che si diffuse e divenne predominante in occidente nel campo dell'architettura e del design all'incirca agli inizi del XX secolo
L'eco di tale movimento è giunto attraverso diverse fasi ed alcune evoluzioni fino ai giorni nostri: se le sedie dei nostri uffici puntano maggiormente sul confort piuttosto che sull'estetica, se i nostri tavoli sono lisci e squadrati, se le linee semplici predominano in quasi tutti i nostri oggetti quotidiani, molto di questo lo dobbiamo alla diffusione ed al successo del movimento moderno.
D'altra parte, basta fare un semplice paragone con una scrivania del XVII secolo con una contemporanea per rendersi conto del cambiamento del gusto intercorso: così come noi potremmo giudicare "pesante" e "ridondante" un mobile dell'ancien regime, allo stesso modo un uomo colto di quell'epoca troverebbe le creazioni del nostri migliori designer incredibilmente povere e spoglie, pressoché "nude".

Sicuramente non fu certo Adolf Loos colui che impose tale passaggio, trattandosi di un processo culturale e di costume già avviato, ma nondimeno a lui va il merito di aver messo per iscritto e descritto, con lucidità e precisione, il fondamento del sentimento che si andava diffondendo.

Come spesso accade nei processi culturali tale rivoluzione estetica ebbe bisogno di parecchi decenni per affermarsi anche ad un livello popolare; ancora negli anni 70 (e in parte ancora oggi) venivano considerati "moderni" oggetti pensati e sviluppati negli anni 20 e 30, conosciuti e diffusi all'epoca all'interno di una ristretta cerchia di intellettuali.
La celebre scuola del
Bauhaus a cavallo tra le due guerre fu il massimo punto di espressione del movimento funzionalista, e la sua attività influenzò definitivamente la concezione estetica di tutto il XX secolo: nel campo del design, i progetti e le sperimentazioni di tale scuola divennero nei decenni successivi i modelli da seguire per la definizione degli oggetti quotidiani delle popolazioni occidentali, e non solo, e ancora oggi vengono studiati nelle facoltà di architettura e di disegno industriale.
Tale movimento di "purificazione", di liberazione dal superfluo, fu quindi un processo percepito, teorizzato ed infine applicato da una elite di studiosi ed intellettuali nel campo delle scienze applicate, ed in seguito diffuso a livello popolare nel corso di diversi decenni.

L'oblio del Simbolismo

La diffusione di questa nuova sensibilità estetica nel campo del design e dell'architettura a sua volta era parte di un processo ancora più grande, un cambiamento che traeva origine dalle grandi rivoluzioni sociali e scientifiche del XIX secolo e che avrebbe portato ad eliminare tutto ciò che risultava "superfluo" e "non funzionale" nella stessa esistenza dell'uomo.
Fino ad allora l'uomo aveva infatti convissuto con un immaginario mitico-religioso che lo portava a credere nell'esistenza di entità e realtà non direttamente percepibili con i cinque sensi.
Le nuove scoperte della scienza e della fisica, così come la diffusione del materialismo e del razionalismo e la crisi delle religioni secolari, offrivano ora un nuovo paradigma, l'immagine di un nuovo mondo in cui nulla esiste oltre ciò che appare, poiché solo ciò che è osservabile e misurabile esiste
realmente.

Fu solo in un contesto simile che le idee del modernismo nell'arte e nel design poterono diffondersi adeguatamente: improvvisamente, tutta quella lunghissima tradizione di segni e simboli con i quali gli uomini avevano integrato le loro creazioni divennero delle semplici "decorazioni", ornamenti che agli occhi dei moderni non avevano altra funzione se non minare la funzionalità dei loro "strumenti".

Questo fu storicamente il momento in cui in occidente il significato e la funzione del simbolismo cadde nell'oblio, il momento in cui una forma di linguaggio millenaria veniva dimenticata dalla maggioranza della popolazione.
Nelle nostre scuole, ad esempio, si insegna come il ricco simbolismo delle
chiese medioevali fosse un modo per trasmettere ad una popolazione analfabeta importanti nozioni di carattere sociale e religioso, e non ci si sofferma mai abbastanza sul fatto che persone senza la minima istruzione potessero perfettamente comprendere immediatamente un linguaggio che noi possiamo cogliere in minima parte solo a seguito di lunghe analisi e approfonditi studi.

Il simbolismo
, quindi, in tutte le sue forme, divenne pressoché incomprensibile ai più, e quello che rappresentava un vero e proprio codice di conoscenze fisiche e metafisiche venne considerato una sorta di decorazione, creazioni che tuttalpiù potevano possedere un valore artistico.
Lo stesso Loos sosteneva che l'uso di simboli, di ornamenti, è una chiara espressione di culture non ancora propriamente civilizzate, culture "barbare", antiche usanze che la modernità avrebbe definitivamente accantonato, e questo suo pensiero era pressoché condiviso da tutti gli esponenti del movimento moderno, i fautori dell'etat d'esprit che avrebbe caratterizzato il XX secolo.

L'Esoterismo dei materialisti

Paradossalmente, ma solo in apparenza, questo processo di "purificazione" si sviluppava in parallelo con la diffusione di numerosi movimenti "esoterici", ordini iniziatici in cui lo studio del simbolismo ricopriva un ruolo fondamentale.
Gli ultimi anni del XIX secolo e i primi del XX furono infatti gli anni della massima espansione dello spiritismo, di movimenti quali la
Teosofia e la Golden Down, il Martinismo e il neo-gnosticismo, movimenti che rientrano in quel grande revival del misticismo che René Guénon ben sintetizzò con il termine "Neospiritualismo".
A tali movimenti si deve ovviamente aggiungere la massoneria moderna, ed è bene ricordare che a tali ordini iniziatici aderirono i massimi esponenti della cultura e della politica dell'occidente.

La situazione culturale dell'epoca quindi presentava una immagine oltremodo interessante: mentre da una parte le masse venivano introdotte al materialismo ed al "razionalismo", per mezzo dell'arte, dell'architettura e sopratutto dell'istruzione, dall'altra parte la medesima elite che diffondeva questo nuovo e rivoluzionario sentire
si dedicava allo studio di quello stesso simbolismo che ufficialmente veniva denigrato e retrocesso a semplice vezzo artistico di epoche culturalmente "barbare".
In verità, oggi sappiamo che la ricerca esoterica e le aspirazioni iniziatiche non furono mai abbandonate dalle elite culturali e politiche.
Quello che invece era mutato era il punto di riferimento attorno a cui si muovevano tali ricerche: lo sguardo dall'alto si era progressivamente spostato in basso.

Il simbolismo tradizionale era indissolubilmente legato ad una visione del mondo spirituale, tutto l'insieme di questo linguaggio universale mirava a descrivere il rapporto degli esseri umani con le realtà superiori.
Al contrario, nel neospiritualismo moderno lo studio del simbolismo ha come fine il raggiungimento di presunte "possibilità" che la codifica di questi linguaggi può aprire al singolo o ad un gruppo di iniziati.
Possibilità "terrene", materiali, laddove si tenta di sfruttare presunte forze non-fisiche per ottenere benefici contingenti.
Per tale motivo, tra l'altro, il termine esoterismo risulta improprio se associato alle correnti neo-spiritualiste, dal momento che l'
esoterismo
in sé rappresenta una via di conoscenza che porta ad una maggiore comprensione delle realtà sensibili e non sensibili.
Più opportuno, di conseguenza, appare l'uso del termine "occultismo" per descrivere tali movimenti, laddove per occultismo si intende il tentativo di manipolare forze ed entità non fisiche per il raggiungimento di obbiettivi materiali.
Tuttavia, questo oblio del simbolismo verificatosi nel XX secolo a livello popolare rappresentò solo un passaggio di un processo ancora più ampio, un processo che a partire dagli ultimi decenni del 900 entrò in una fase molto più avanzata.

 
Svuota la tazza, riempi la tazza

Lo scopo ultimo delle elite di potere non è mai stato quello della diffusione del materialismo e del positivismo estremo: queste ideologie già oggi appaiono alquanto superate.
La
propagazione del materialismo fu invece un passaggio essenziale per rendere le masse pronte a recepire la diffusione della nuova religione che maturava nei circoli iniziatici e nelle logge frequentate dall'elite più consapevole dei cambiamenti in gioco.
In tali circoli non si è mai smarrita la fede nella "potenza" dei simboli, una fede che poco aveva a che fare con lo studio del simbolismo tradizionale: per tali movimenti l'uso del simbolismo ha infatti  uno scopo prettamente pratico.
All'interno di una serie di credenze in fin dei conti "meccaniciste", i propagatori del neo-spiritualismo moderno sono convinti di poter far uso del linguaggio dei simboli per comunicare la loro visione del mondo e condizionare le popolazioni bypassando la loro sfera razionale, raggiungendo così i loro scopi in maniera più efficace.

E per poter diffondere questo nuovo tipo di linguaggio era necessario, come si è visto, che la antica concezione tradizionale del simbolismo venisse prima dimenticata.

Era necessario fare tabula rasa delle antiche conoscenze, per poter così meglio diffondere un nuovo paradigma.
In questo modo, possiamo oggi osservare intorno a noi una vera e propria "invasione" di un simbolismo trasfigurato senza che la maggioranza delle persone possa coglierne il significato.
I principali mezzi di diffusione di questo revival simbolista sono ovviamente il cinema e sopratutto la musica popolare, in particolar modo
quella rivolta ai più giovani, dal momento che è opportuno che l'indottrinamento parta il prima possibile.
Occhi onniveggenti che spuntano ovunque, triangoli e pentacoli, tematiche luciferiane e riferimenti a presenze psichiche sono diventati elementi della cultura popolare, mentre la loro reale valenza non viene colta e si interpretano quali semplici forme di "espressione artistica", come d'altra parte teorizzavano i precursori del movimento moderno cento anni fa.

si veda anche: La scienza della persuasione



____________________________________________



by
@lice (Oltre lo Specchio)
_____________________
..segui il ConiglioBianco!
Blog:
http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com
ML: http://groups.google.com/group/teorici-del-complotto?hl=it
Mail: aliceoltrelospecchio@gmail.com
_____________________




Nessun commento:

Posta un commento

...se vuoi puoi lasciare un commento su questo articolo!

Tutti i commenti devono passare dalla MODERAZIONE prima di essere pubblicati; mi riservo di rifiutare commenti offensivi, fuori luogo o provenienti da noti disinformatori e/o troll e i commenti di SPAM.

(i commenti vengono automaticamente spediti alla Mailing List "Teorici del Complotto" http://groups.google.com/group/teorici-del-complotto ).

Inoltre gli articoli del Blog sono presenti per essere discussi in modo più approfondito sulla ML "Teorici del Complotto", consultabile senza iscrizione alla pagina http://groups.google.com/group/teorici-del-complotto dove anche i non iscritti possono partecipare alla discussione mandando un Email a teorici-del-complotto@googlegroups.com (le mails dei non iscritti e dei nuovi iscritti verranno moderate per evitare lo Spam/disinformatori/troll).

by
@lice
___________________________
..segui il ConiglioBianco!
___________________________