giovedì 26 giugno 2008

Guantanamo: interrogatori o esperimenti?

...è da tanto che ci penso..

..con la scusa della "guerra al terrorismo" gli "USA post 9/11" hanno aperto decine e decine di carceri militari, più o meno segrete, in mezzo mondo..

L'emblema di queste carceri speciali è Guantanamo, messa apposta in territorio cubano per poter meglio negare i diritti costituzionali ai prigionieri; però Guantanamo, è bene o male conosciuta dal pubblico e frequentata almeno in parte dalla Croce Rossa, quindi al suo interno i trattamenti disumani sono senza dubbio meno feroci rispetto alle decine di carceri segrete ubicate in paesi e luoghi ignoti (molte si suppone che siano in stati dell'europa orientale, un tempo sotto l'egida comunista) in cui non vige alcuna forma di controllo su numero e identità dei detenuti nè tantomeno sul loro trattamento...

[in foto detenuti sottoposti a ore di posizioni di stress e deprivazione sensoriale; carcere USA di Guantanamo, Cuba]

Alle masse viene fatto credere che il 9/11 sia frutto dell'opera di AlQuaeda, capitanata da Bin Laden; e che, per combattere i terroristi musulmani, si debbano rapire e segregare in queste carceri centinaia di civili. Spesso questi poveracci vengono catturati praticamente a caso e quasi sempre sono estranei alla lotta armata; nonostante ciò vengono comunque sottoposti a un mix di trattamento disumano, torture fisiche e psicologiche unite a estenuanti interrogatori...
Alle masse (e a gran parte dei soldati usati come carcerieri e torturatori) viene detto che queste brutali misure servono per prevenire ulteriori attentati terroristici!
Quindi serve torturare i prigionieri in modo che si convincano a confessare i loro orribili propositi contro l'occidente!

...a nulla serve ribadire il concetto che la tortura, oltre che disumana, è anche un mezzo di interrogatorio assai inaffidabile: difatti il torturato spesso finisce per ammettere qualsiasi cosa (anche cose completamente false) pur di far cessare, anche solo temporaneamente, il supplizio!

Fin qui sembra di trovarsi solo davanti all'umana ottusità e barbarie che periodicamente ricompaiono nella storia, ma IMHO ci troviamo davanti a qualcosa di ancor più orribile che è stato deliberatamente pianificato e messo cinicamente in atto da chi è ai vertici del cosiddetto "Mondo Libero" (espressione che di giorno in giorno ricorda sempre di più il libro "1984" di Orwell)...

...noi sappiamo che il 9/11 è stato un auto-attentato fatto per convincerela popolazione sia ad approvare la guerra in Afghanistan e Iraq (per il petrolio) che le probabili prossime guerre contro Iran ecc, sia per convincere la popolazione ad accettare le grosse limitazioni delle libertà costituzionali che di giorno in giorno aumentano sempre più, sia per una serie di altri motivi politico-economici minori che in questo momento non ho voglia di spiegare...

...ma, se il 9/11 è stato un auto-attentato...a cosa cavolo serve, in realtà, imprigionare e torturare centinaia di individui?

...CAVIE UMANE!

..è dagli anni '50 che gli USA si servono di militari, prostitute, tossici, malati di mente, detenuti e semplici cittadini, per i loro orribili esperimenti...

Esperimenti che vanno dagli studi sulle radiazioni a quelli su armi chimiche e batteriologiche o su sostanze psicotrope, fino ai famigerati studi sul controllo mentale ecc...

Prima della "guerra al terrore" gli USA dovevano accontentarsi di usare come cavia la loro popolazione (non che questa gente dia un qualche valore alla vita umana, nemmeno a quella del proprio popolo), o magari qualche popolazione africana a cui si mandavano aiuti e medicine.

..però non avevano la possibilità di disporre di migliaia di individui sani fisicamente e psichicamente da poter tenere segregati in condizioni sperimentali a tempo indefinito e da poter sottoporre a qualsiasi crudelre esperimento senza doversi minimamente curare delle possibili conseguenze.

Prima il numero di cavie umane era, seppur alto, comunque limitato, inoltre ci si doveva curare che la cavia non scoprisse ciò che le era stato fatto, per evitare scandali, poi molte delle cavie erano pessimi soggetti sperimentali perchè già affetti da turbe psichiche o malattie (ad esempio i pazienti psichiatrici o i tossicodipendenti) e ciò non garantiva risultati affidabili; invece adesso si hanno a completa disposizione dei soggetti sperimentali perfetti, e non si corre alcun rischio poichè la maggior parte di queste carceri sono segrete e identità e numero di prigionieri è ignoto, poi in un carcere speciale possono essere standardizzate maggiormente le condizioni sperimentali (stesso ambiente, dieta ecc per tutti i soggetti di un certo esperimento) garantendo risultati più affidabili.

Praticamente è la stessa situazione che avevano creato i Nazisti nei loro Campi di Concentramento e Sterminio, difatti anche loro usavano gli ebrei come cavie umane per svariati esperimenti (nota che furono proprio i Nazisti in questi campi a cominciare le ricerche sul "Mind Control basato sul trauma" e proprio quegli scienziati nazisti furono in buona parte salvati dagli Americani e sfruttati per continuare quegli esperimenti nel dopoguerra)...

Non ho prove certe che i detenuti di questi moderni lager siano usati come cavie umane, ma ho fondati sospetti in merito.

Molte cavie verranno usate per esperimenti su farmaci, vaccini, armi non letali e batteriologiche-chimiche ecc,
ma IMHO la maggior parte è usata per esperimenti sul controllo mentale!

Inoltre, visto che, per garantire l'accettabilità della "War on Terror" da parte delle masse bisogna di tanto in tanto fare nuovi attentati, una parte dei soggetti sottoposti a mind control viene probabilmente usata per fare attentati in varie parti del mondo; ad esempio l'abitudine irachena di farsi saltare in aria uccidendo decine di connazionali fermi in fila al fine di avere un lavoro dagli americani giova solamente agli stessi USA, che hanno così la scusa per rimanere in Iraq a tempo indeterminato (da numerosi dati di cui parlerò prossimamente sembra che anche nella striscia di gaza si faccia il lavaggio del cervello ad alcuni palestinesi in modo da aumentare gli attentati terroristici che servono al governo israeliano per "giustificare" l'occupazione militare della Palestina e i check-point che mettono in ginocchio la popolazione locale).

Le tecniche odierne di controllo mentale (lavaggio del cervello) difatti funzionano soprattutto se si prendono soggetti molto giovani o comunque se essi hanno subito pesanti e ripetuti traumi prima dei 6 anni di età (in particolare traumi sessuali perpetrati da figure parentali), poichè il mind control USA è volto nella maggior parte dei casi a creare un Disordine Dissociativo di Personalità (Dissociative Identity Disorder - DID) con personalità multiple che prendono il controllo della persona in momenti differenti, dotate ogniuna di una memoria parziale e diversa, così da creare ad esempio un' apparente buona madre di famiglia che si trasforma in assassina, ma anche in prostituta all'occorrenza e in cui ogni personalità è all'oscuro delle altre e dei loro ricordi oltre aessere attivabile a piacimento dagli "addestratori"; però non sempre si hanno a disposizione soggetti molto giovani o che hanno subito ripetuti traumi infantili, quindi serve cercare nuove tecniche di mind control efficaci anche su adulti psicologicamente sani.

- Adesso farò un parallelo fra il tratamento a cui vengono sottoposti i soggetti controllati mentalmente rispetto ai detenuti delle carceri segrete della CIA:

Il fulcro di queste tecniche di controllo mentale è basato sul sottoporre il soggetto a forti e ripetuti traumi attraverso abusi sessuali e torture varie (NOTA che anche in queste carceri i prigionieri subiscono torture e umiliazioni sessuali, non si sa invece se lo stupro sia usato con frequenza, anche se ciò pare probabile);

a questo vengono aggiunte tecniche per rendere i soggetti altamente suggestionabili come:
  • la deprivazione sensoriale (i detenuti di queste carceri vengono tenuti mesi in isolamento in celle buie e senza stimoli),


  • il mangiare poco (la dieta di Guantanamo è misera e con porzioni molto ridotte),


  • l'assenza di contatti personali, se non con l'addestratore (l'isolamento è spezzato solo dagli interrogatori),


  • la privazione di sonno (pratica ampiamente usata in queste carceri),


  • il sovraccarico sensoriale (anche questo è usato: si bombarda per ore e ore il poveretto con rumori o musica metal altissima e luci stroboscopiche),


  • la stanchezza fisica (i detenuti devono stare in posizioni scomode e faticose, chiamate "posizioni di stress" per molte ore al giorno, sino a provare lancinanti dolori muscolari) ecc..
Rendere la persona iper-suggestionabile serve poichè, la tortura frammentala personalità, ma ogni personalità deve essere programmata con complicate serie di comandi post-ipnotici in modo da avere certe caratteristiche prevedibili ed eseguire i comandi in modo affidabile..

..stranamente tutti questi elementi del "controllo mentale basato su trauma" vengono usati con i detenuti di queste carceri segrete...

[in foto prigioniero torturato con corrente elettrica unita a posizioni stressanti mantenute per giorni e deprivazione sensoriale; carcere afgano di Abu Ghraib]


...però si potrebbe pensare che queste tecniche abbiano veramente lo scopo di estorcere informazioni, ma.....a parte che la maggior parte dei soggetti è estranea al terrorismo quindi non ha informazioni, a parte che la tortura non è un mezzo affidabile negli interrogatori, a parte tutto ciò..

..le persone sottoposte a questi trattamenti regrediscono rapidamente a uno stadio infantile per poi virare verso la follia diventando incapaci di ragionare, incoerenti, mentalmente confusi, apatici, paranoici e soprattutto INCAPACI DI RISPONDERE SENSATAMENTE A UN QUALSIASI INTERROGATORIO!!!

Difatti vari addetti agli interrogatori si sono lamentati del fatto che, con questi metodi, le persone diventano troppo confuse per fornire indicazioni valide durante gli interrogatori, anzi molti soggetti in pochi giorni non riescono nemmeno più a pronunciare frasi sensate o a concentrarsi abbastanza da poter comprendere una conversazione.

Certamente non tutti escono di testa e non tutti manifestano la stessa gravità di sintomi, ma il solo fatto che a Guantanamo un'intera sezione del carcere (il "Delta Block") sia stata riservata ai detenuti che vanno fuori di testa...è come minimo indicativo del fatto che non siano pochi...

Quindi, secondo me, i detenuti delle carceri segrete della CIA vengono ingran parte usati come CAVIE UMANE per esperimenti vari, ma soprattutto per esperimenti sul mind control; e la somiglianza fra le tecniche di "controllo mentale basato sul trauma" (usato dagli Stati Uniti almeno dai primi anni'60 e derivato da esperimenti nazisti nei Lager) con il trattamento riservato ai prigionieri di Guantanamo e delle altre carceri speciali è un pesante indizio in questa direzione.

Inoltre esiste anche il forte sospetto che, visto che l'Intelligence USA, già nei primi anni '60, sapeva come creare assassini mentalnente controllati e programmati ad uccidere a comando, e visto che in definitiva il terrorismo islamico è in gran parte una creazione di quella stessa Intelligence (e funzionale SOLO alle politiche imperialiste USA), alcuni dei soggetti detenuti nelle carceri segrete vengano sottoposti a programmi di mind control e indotti a commettere attentati suicidi (ad esempio quelli verso i loro compatrioti in attesa di un lavoro dato dagli americani) che hanno il solo scopo di dare una scusa agli USA per non ritirarsi dai teatri di guerra di Iraq e Afghanistam.

Questo non vuol dire che tutti i prigionieri facciano da cavia o siano mentalmente controllati, nè che tutti i militari siano a conoscenza di ciò che avviene realmente: probabilmente solo qualche ufficiale di alto grado e qualche medico o psichiatra coinvolto nel progretto è al corrente degli esperimenti, e, anche chi sà probabilmente non conosce tutta la verità ma solo il pezzettino che concerne il proprio incarico; probabilmente sono gli alti vertici di CIA, NSA e Pentagono sanno che figura è dipinta su questo puzzle, gli altri hanno solo qualche piccola tessera e i più non hanno neppure quella...



by
@lice (oltre lo Specchio)
____________________________________________
...segui il ConiglioBianco!
Email: aliceoltrelospecchio@gmail.com
Blog: http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/
MailingList: http://groups.google.it/group/teorici-del-complotto
____________________________________________

mercoledì 25 giugno 2008

Tortura il Terrorista

Questo è il primo articolo che ho copia-incollato; è di Naomi Klein (The Guardian), l'autrice di "No logo" e di "Shock Economy".

..ho deciso di metterlo sul blog perchè ho in mente di parlare molto presto della vera ragione per cui esistono le carceri tipo Guantanamo...

In fondo a questo scritto troverete un mio breve commento che anticipa in parte i prossimi scritti sull'argomento.

____________________

I crudeli metodi cui gli interrogatori negli Usa hanno fatto ricorso dall'11 settembre per "ammorbidire" i prigionieri finalmente stanno per essere sottoposti a processo
Qualcosa di sorprendente sta accadendo in un’aula di tribunale di Miami. I crudeli metodi cui gli interrogatori negli Usa hanno fatto ricorso dall’11 settembre per "ammorbidire" i prigionieri finalmente stanno per essere sottoposti a processo.
È stato un imprevisto. Il piano dell’amministrazione Bush, infatti, era processare il detenuto José Padilla per aver presumibilmente preso parte ad una rete legata al terrorismo internazionale. Ma i legali di Padilla hanno dichiarato che il loro assitito non è in grado di sostenere alcun processo, in quanto il governo Usa l’avrebbe fatto letteralmente uscire di testa.
Arrestato nel maggio del 2002 all’aeroporto di Chicago-O'Hare, Padilla, nato a Brooklyn ed ex membro di una banda criminale, è stato classificato come “combattente nemico” e condotto in una prigione della marina militare Usa a Charleston, Carolina del Sud. È stato rinchiuso in una cella di tre metri per due, senza luce naturale, e sprovvista di orologio e calendario. Ogni volta che lasciava la sua stanzetta, il detenuto Padilla veniva ammanettato, e gli venivano fatti indossare pesanti occhiali neri di protezione e cuffie isolanti. È stato tenuto in queste condizioni per 1.307 giorni. Gli è stato proibito qualsiasi contatto se non con i suoi interrogatori, i quali non hanno lesinato la predisposizione di un’estrema deprivazione sensoriale per mezzo di luci accecanti e suoni martellanti. Padilla sostiene anche di esser stato sottoposto a iniezioni di un "siero della verità”, sostanza che i suoi avvocati ritengono essere LSD o PCP (quest’ultima, chiamata anche “polvere d’angelo”, è una droga molto potente, con effetti allucinogeni – NdT).
Secondo i legali di Padilla e due medici psichiatri che l’hanno visitato, l’uomo è stato maltrattato a tal punto, sia fisicamente sia mentalmente, da non riuscire a presenziare in sua stessa difesa. Padilla è convinto che i suoi avvocati facciano "parte di un programma di interrogatorio continuo”, e considera i suoi carcerieri dei protettori. Per dimostrare “la gravità delle torture inflitte a Padilla”, i suoi legali vogliono raccontare alla corte quanto accaduto nel corso degli anni trascorsi al carcere militare. L’accusa si oppone strenuamente, sostenendo la piena lucidità mentale di Padilla e l’irrilevanza del trattamento inflittogli.
Il giudice distrettuale Marcia Cooke non sembra essere d’accordo. “Non è che Padilla vivesse rinchiuso in uno scatolone. Si trovava in un luogo nel quale gli sono successe determinate cose”. Il giudice Cook ha ordinato a diversi membri del personale carcerario di testimoniare sullo stato mentale di Padilla alle udienze, iniziate giovedì 22 febbraio. Verrà chiesto loro com’è possibile che un uomo accusato di aver partecipato ad elaborate cospirazioni anti-governative ora si comporti, secondo le parole di chi lavora nel carcere, “come un soprammobile”.
È difficile non dare il giusto peso a queste udienze. Le tecniche impiegate per soggiogare Padilla fanno parte della procedura standard impiegata a Guantánamo Bay sin dall’arrivo dei primi prigionieri cinque anni fa. Questi erano costretti a indossare occhiali di protezione oscurati e cuffie isolanti; venivano tenuti in isolamento prolungato, interrotto da luci intermittenti e musica heavy metal. Queste stesse pratiche sono state documentate in decine di casi di “consegne straordinarie” ("extraordinary rendition") portate a termine dalla CIA, come hanno dimostrato i casi delle prigioni in Iraq ed Afghanistan.
Numerosi prigionieri hanno accusato gli stessi sintomi di Padilla. Secondo James Yee, ex cappellano militare musulmano presso la base di Guantánamo, esiste un’intera ala del carcere chiamato Delta Block dove vengono rinchiusi i detenuti colpiti da problemi psichici. “Di solito mi rispondevano in tono bambinesco, parlando di cose insensate. Molti di loro cantavano a voce alta canzoni per bambini, ripetendole in continuazione”. Tutti i detenuti del Delta Block sono stati sotto stretta sorveglianza 24 ore al giorno per impedire che commettessero atti di suicidio (“suicide watch”).
Human Rights Watch ha denunciato l’esistenza di un centro di detenzione gestito dagli Stati Uniti nei pressi di Kabul conosciuto come la “prigione dell’oscurità” – costituita da celle minuscole completamente buie, in cui si sentono strani suoni assordanti. “Molti prigionieri sono impazziti”, ha ricordato un ex detenuto. “Sentivo la gente sbattere la testa contro i muri e contro le porte”.
Queste sistematiche tecniche di “controllo mentale” non sono mai state esaminate scrupolosamente in un tribunale americano perché i prigionieri nelle carceri sono stranieri e sono stati privati del diritto di habeas corpus – un provvedimento che è stato appoggiato solo da una corte d’appello federale a Washington DC. C’è solo un’unica ragione che differenzia il caso di Padilla da questi: egli è cittadino americano. Inizialmente, l’amministrazione americana non aveva intenzione di processarlo, ma, quando la condizione di combattente nemico del detenuto è stata respinta dalla Corte Suprema, ha bruscamente invertito la rotta, accusando Padilla e trasferendolo sotto custodia civile. Questo rende il caso di Padilla unico – è l’unica vittima dell’oltretomba legale post-11 settembre ad affrontare un processo ordinario Usa.
Ora che la salute mentale di Padilla sembra essere il fulcro della questione, le accuse del governo devono fronteggiare un ostacolo. La CIA e l’esercito Usa sanno, sin dagli inizi degli anni sessanta, che estrema privazione e sovraccarico sensoriali causano distruzione della personalità – è questo è il punto. “La privazione di stimoli provoca regressione, privando la mente del soggetto di contatti con il mondo esterno e imponendola, così, a se stessa. Al contempo, il fornire stimoli in maniera ponderata durante l’interrogatorio tende a far sì che il soggetto regredito veda l’interrogatore come una figura paterna”. La fonte è il Kubark Counterintelligence Interrogation, un manuale "desecretato" della CIA del 1963 sulle tecniche di interrogatorio “pesanti” nei confronti di “fonti resistenti”.
Il manuale si basa sulle rivelazioni del famoso progetto MK-ULTRA1, che negli anni cinquanta versò circa 25 milioni di dollari nelle tasche di un gruppo di scienziati per portare avanti una ricerca su cosiddette “tecniche inusuali di interrogatorio”. Uno degli psichiatri destinatari dei fondi CIA è stato l’ignobile Ewen Cameron, dell’Università McGill di Montreal. Cameron ha sottoposto centinaia di pazienti psichiatrici a pesanti sedute di elettroshock e totale isolamento sensoriale, e li ha drogati con LSD e PCP. Nel 1960, Cameron ha tenuto una conferenza presso la base dell’Air Force di Brooks, in Texas, in occasione della quale dichiarò che la deprivazione sensoriale “produce i sintomi primitivi della schizofrenia".
Non c’è bisogno di tornare così indietro nel tempo per dimostrare come i militari Usa sapessero di essere sul punto di condurre Padilla alla follia. Il manuale di settore dell’esercito, ristampato proprio lo scorso anno, afferma: “La privazione sensoriale può comportare ansia estrema, allucinazioni, ragionamenti bizzarri, depressione e atteggiamento antisociale” – nonché “angoscia psicologica significativa”.
Se queste pratiche hanno letteralmente mandato fuori di testa Padilla, significa che il governo Usa ha deliberatamente fatto impazzire centinaia, se non migliaia, di prigionieri in tutto il mondo. Ciò che è sotto processo in Florida non è lo stato mentale di un uomo, ma l’intero sistema di tortura psicologica degli Stati Uniti d’America.

Note:

1. Il progetto MKULTRA (conosciuto anche come MK-ULTRA) si riferisce ad una serie di attività svolte dalla CIA tra gli anni Cinquanta e Sessanta che aveva come scopo quello di influenzare e controllare il comportamento di determinate persone (cosiddetto controllo mentale). Tali esperimenti prevedevano la somministrazione dell'ipnosi, sieri della verità, messaggi subliminali, LSD e altri tipi di violenze psicologiche su cavie umane (NdT).
_____________________


...In questo breve articolo si nota subito che le torture fisiche e soprattutto psichiche a cui vengono sottoposti i prigionieri di Guantanamo e delle altre "carceri speciali" hanno come frequente effetto collaterale il far "uscire di testa" chi vi è sottoposto (persone che sino a quel momento erano completamente sane di mente)...ma sarà veramente solo un indesiderato effetto collaterale?


ciao


by
@lice (oltre lo Specchio)
____________________________________________
....segui il ConiglioBianco!

Email: aliceoltrelospecchio@gmail.com
Blog: http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/
MailingList: http://groups.google.it/group/teorici-del-complotto _____________________________________________

Nuova categoria: "copia-incolla"

…non sono mai andata pazza per quei blog formati quasi interamente da articoli copia-incollati da altri siti, però a volte copia-incollare un articolo altrui (sempre citando l’autore o la fonte) può servire a far circolare informazioni o a cominciare un processo di riflessione…

Inoltre, in questo periodo ho poco tempo da dedicare a Blog e ML, quindi pensavo di aggiungere al Blog un ulteriore “categoria”: “copia-incolla”!
..chiaramente cercherò di dare sempre un contributo commentando gli articoli non miei che appariranno nel Blog e continuerò a scrivere la maggior parte di articoli di mio pugno..

In questa nuova categoria compariranno articoli non scritti da me (indicherò comunque l'autore e/o la fonte dal quale li ho presi) su varie tematiche, corredati da un eventuale mio commento.


ciao
by
@lice (oltre lo Specchio)
____________________________________________
....segui il ConiglioBianco!
Email: aliceoltrelospecchio@gmail.com
Blog: http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/
MailingList: http://groups.google.it/group/teorici-del-complotto
_____________________________________________

sabato 14 giugno 2008

Televisione e Massoneria: Vanished

Con questo testo vorrei aprire una serie di scritti che trattano un aspetto particolare del potere e della mentalità di “Chi ci Comanda Veramente”.

Tratterò il vastissimo tema dei contenuti “occulti” presenti nei media!
…non sto parlando dei messaggi subliminali (altro importante argomento su cui c’è molto materiale in rete e di cui probabilmente in seguito parlerò nel blog), ma del deliberato inserimento in film, telefilm, cartoni animati, libri ecc di simbolismi e tematiche inerenti all’occultismo, esoterismo, Massoneria, Nuovo Ordine Mondiale, ma anche a vari progetti segreti militari (dall’area 51 all MKultra e molto altro)…
Queste tematiche sono spesso inserite palesemente, ma ancor più spesso vengono celate sotto simboli e metafore, così da entrare nell’immaginario collettivo senza essere riconosciute, plasmando pano piano ma inesorabilmente il subconscio delle masse (questa tattica è usatissima nei cartoni animati moderni!!)…

In questo scritto parlerò solo di un primo esempio, in cui il simbolismo e la trama parlano palesemente della manipolazione politica attuata dalla Massoneria in certe circostanze, e dei metodi criminali con la quale agisce (rapimenti, omicidi, depistagli, incastrare persone, omicidi simbolici ecc..) per ottenere i propri scopi…

Non voglio certo accusare la Massoneria in toto o la totalità dei massoni…ma è ormai di dominio pubblico che per molti potenti la Loggia diventa null’altro che un circolo per portare avanti loschi affari con mezzi discutibili, basti pensare al caso italiano della Loggia Massonica P2 di Licio Gelli…

…parliamo quindi del telefilm Vanished (ieri in prima serata su italia uno c’è stata la seconda puntata, che ha confermato in pieno le mie impressioni iniziali): già quando vidi per la prima volta la pubblicità della serie notai che nel titolo la V e la A di Vanished avevano una forma famigliare, difatti negli ultimi fotogrammi della pubblicità si sovrapponevano formando il tipico simbolo Massonico della Squadra e del Compasso (stilizzati).
Il telefilm parla di un senatore USA al quale è stata rapita la moglie probabilmente per indurlo a votare “in un certo modo” a un’importante seduta del congresso…e già dalle prime due puntate si capisce che il rapimento è di matrice massonica: difatti, oltre al simbolo della Squadra e del Compasso stilizzati, compare continuamente fra gli indizi una spegie di numero 9 stilizzato, che poi si scopre essere una G, e di preciso proprio la G che solitamente è presente nel simbolo massonico della Squadra e del Compasso all’interno della figura romboidale formata dai due strumenti….
A questo punto finalmente anche i protagonisti capiscono la matrice massonica del rapimento…
Interessante è notare il come viene fatta agire la Massoneria nella storia: la presentano come una forza sfuggente ma potentissima, capace di prevedere le mosse dell’FBI facilmente e di insabbiare indagini, incastrare innocenti e seminare indizi muovendo il Senatore e la stessa FBI come burattini; inoltre le pressioni rivolte al senatore al fine di condizionarne il voto sono sempre ambigue e simboliche, dirette a influenzare più il subconscio e le emozioni che la ragione stessa….

…a questo punto ci sarebbe da controllare se chi ha prodotto il telefilm e inventato la trama sia un massone orgoglioso del proprio occulto potere e desideroso di farlo notare al mondo senza scoprirsi troppo o una persona non appartenente all’ordine e che ne disprezza questi aspetti o ancora un massone che critica la prevalente "propensione politica" di molti suoi fratelli…
…forse nelle prossime puntate di Vanished verrà svelato l’arcano mistero…

ciao
by
@lice (oltre lo Specchio)
______________________________________________
...segui il ConiglioBianco!
Email: aliceoltrelospecchio@gmail.com
Blog: http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/
MailingList: http://groups.google.it/group/teorici-del-complotto
______________________________________________

martedì 10 giugno 2008

Economia Consumista

La Follia del concetto di Continua Crescita Economica.


Non sono un esperta di economia, ma ciò che so è che i presupposti stessi del consumismo occidentale sono una pura follia, destinata prima o poi a naufragare, poichè basati su un idea di mercato falsata e impossibile da mantenere stabile a tempo indefinito.

In parole povere, la "dottrina consumista" si basa su un paio di assiomi indimostrabili:
- il lavoro crea beni di consumo (anche in modo indiretto).
- più aumentano i consumi più aumenta il benessere.
- se i consumi aumentano aumenta la "ricchezza" di un paese;
quindi bisogna aumentare la fruizione di "beni di consumo" fra le masse in modo continuo e indefinito, al fine di creare posti di lavoro e di far "crescere l'economia" e il benessere...

Il problema è che questo approccio non è applicabile per un tempo indefinito in un "sistema chiuso e dalle risorse e spazio limitati" come il pianetaTerra (che per ora è l'unico che abbiamo), poichè:

- per creare "beni di consumo" servono risorse, e le risorse del pianeta nonsono infinite;
alcune di esse sono rinnovabili, ma se si postula un aumento costante didomanda anche le risorse rinnovabili diventeranno prima o poi insufficenti (es: serve legno di grossi alberi tropicali x mobili di lusso, gli alberi sipossono piantare, ma se la domanda di legno è troppa anche piantando glialberi non si riuscirà a farli crescere abbastanza velocemente da soddisfareil mercato).
- Inoltre al fine di far aumentare costantemente i cosumi si può agire essenzialmente in due modi:
- si creano bisogni fittizzi grazie ai media e alle tecniche di marketing(sistema adottato soprattutto nel ricco occidente);
questo virene fatto perchè i soli bisogni "fondamentali" e non indotti NON crescono costantemente ma rimangono più o meno fissi a parità di numero di persone; comunque anche questa è una strategia perversa perchè da una parte fa coincidere il possedere beni con la felicità (cosa completamente falsa; ricorda le pubblicità non vendono oggetti ma frammenti di felicità promessa invano), dando una visione completamente falsata della vita agli individui, e dall'altra crea nelle persone un costante senso di frustrazione e mancanza(volto a spingere all'acquisto di beni) che non potrà mai essere riempito del tutto...questo rende la vita della gente un continuo lavorare x guadare seguito dal comprare senza essere mai soddisfatti:
è come quando il cocainomane si fa la coca in vena e dopo i 20 secondi di flash è giàinsoddisfatto e corre a sbattersi x avere altri soldi x comprarsi altra coca con l'illusione che la prossima dose glidarà un po' di pace (cosa che NONAVVIENE MAI!)...
...chiaramente questa continua frenesia fa perdere di vista alla maggiorparte delle persone il senso della vita riducendoli a ingranaggi sociali/tossici da consumismo completamente intrappolati nel meccanismo sociale.
- l'altro modo per provocare l'aumento costante dei consumi è quello dia umentare il numero di consumatori (strategia adottata soprattutto in cina, india e negli altri paesi emergenti);
questa tattica inizialmente funziona molto bene...ma la Terra non ha grandezza infinita, quindi più di tanto non si potrà aumentare la popolazione (anche senza pensare alle devastazioni ambientali provocatedalla sovrappopolazione e all'insufficienza delle materie prime, il pianeta è quel che è e per ora non possiamo certo colonizzarne altri, quindi l'aumento della popolazione NON potrà essere infinito)...

Visto che le problematiche sopra elencate sono ben conosciute da chi ci governa e soprattutto da chi gestisce le politiche monetarie e i maggiori giri di affari (governi di stati come glòi USA, ma soprattutto banchieri e grosse multinazionali in campi come energia petrolio farmaci o agroalimentare ecc..), e visto che questi problemi NON si possono risolveredel tutto a meno di NON abbandonare il "paradigma della crescita continua dei consumi" , allora questi volponi (che ci perderebbero immensamente se si cambiasse paradigma) hanno pensato di rallentare l'inevitabile ritardando con vari mezzi il momento in cui i consumi NON potranno + aumentare...
…e qual'è un modo rapido x ottenere ciò:
servono risorse (materie prime-energia) per produrre i beni e persone per consumare...
…ma NON tutte le persone consumano in modo uguale:
un occidentare con un reddito medio-basso consuma centinaia di volte quello che consuma una persona che vive al di sotto della linea di povertà in un paese arretrato (o rispetto a quellegenti che "ostinatamente" rimangono attaccate ai loro modi di vitatradizionali);
perciò la cosa più semplice da fare è ELIMINARE FISICAMENTE le persone "non adatte" al consumismo sfrenato (con mezzi come guerre dirette, fomentazione o non intervento in caso di guerre interne, diffusione di malattie di massa letali o blocco della possibilità di ricevere cure, aumento vertiginoso deiprezzi dei beni di sussistenza al fine di provocare morte per fame ecc...);
così non solo si riduce la sovrappopolazione in modo rapido ed efficace, ma ci si può impadronire facilmente delle risorse di quelle popolazioni (spesso i popoli più poveri e disastrati del mondo vivono in aree ricchissime di preziose materie prime, come in africa o in sud america, che solitamente vengono sfruttate a esclusivo beneficio di multinazionali estere...)....

Questo fa capire molte questioni, come la scelta di dove fare le "missioni di pace", o il perchè si è puntato sui “biocarburanti” nonostante non siano ecologici nè convenienti (poi potrebbero essere fatti con piante NON alimentari a rapida crescita come la canapa, ma invece si sceglie apposta di farli con piante alimentari condannando alla morte per fame migliaia dipersone!), o il perchè i vertici FAO finiscano sempre con un nulla di fatto o con qualche bella parola...e anche il perchè le scelte degli economisti in momenti di crisi come questo sembrino deliranti...

Il nostro sistema economico globale non solo è sbilanciato, ma parte da presupposti senza senso, ed è tenuto artificialmente in vita per il solo scopo di arricchire i soliti banchieri, magnati della finanza internazionale, petrolieri, multinazionali ecc...
Difatti l'aumento continuo dei consumi non porta maggior ricchezza o benessere, ma solo frustrazione individuale, depauperamento inutile di materie prime e aumento vertiginoso dell'inquinamento...

PS:..io non sono per un ritorno al marxismo ortodosso o simili, ma semplicemente per l'impostazione di un sistema economico globale su basi razionali e scientifiche, ecologicamente sostenibili e umanitarie per tutto il pianeta e nel rispetto di tutte le forme di vita umane e non umane che vivono su Gaia la Madre Terra.

ciao
by
@lice (oltre lo Specchio)

_______________________________________________
...segui il ConiglioBianco!
Email: aliceoltrelospecchio@gmail.com
Blog: http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/
MailingList: http://groups.google.it/group/teorici-del-complotto
_______________________________________________